Rikard Sjoblom (Beardfish)

Rikard Sjoblom (Beardfish)

sabato 29 dicembre 2012

Top five italiana 2012

Come già lo scorso anno, mi cimento in una personalissima (ed opinabilissima) scelta di 5 album di prog italiano, tra quelli che ho ascoltato,  meritevoli di essere citati.

Hostsonaten: The Rime Of The Ancient Mariner: chapter one

Splendido disco per gli Hostsonaten del poliedrico ed eclettico genovese Fabio Zuffanti.
Le composizioni riguardano la prima parte dell’omonimo poema epico-marinaro di Samuel Taylor Coleridge, datato fine ‘700.
Una super produzione con 4 vocalist eccelsi tra cui “Il Maschera di Cera” Alessandro Corvaglia e  una band di prim’ordine tra cui “l’altra maschera” Mau Di Tollo alla batteria e il “genietto” Luca Scherani alle tastiere.
Prog sinfonico di ampio respiro con un motivetto che ricorre praticamente in ogni traccia che ti rimane in testa con godimento cognitivo.
Per approfondimenti rimando al blog del caro amico Athos Enrile
Eccovi un estratto live dell’opera , trattasi di evento realizzato il 16 Dicembre preso il Teatro Verdi di Genova Sestri, un eccellente spettacolo a cui ho avuto il piacere di assistere

Il Giardino Onirico: Perigeo

Dopo aver ascoltato su You Tube l’intero album, ho acquistato il cd autoprodotto mesi fa direttamente dal tastierista Emanuele Telli, gentilissimo per davvero, tra l’altro la Lizards Records gli ha messi”sotto contratto” e il cd sarà ufficialmente rilasciato dall'etichetta dell'oculato Loris Furlan .
Fin da subito la band laziale mi ha favorevolmente colpito per l'estrema versatilità nei passagi tra suoni più prettamente sinfonici e quelli più metal, tra space rock e passaggi da”camera” con l’intervento della soprano Elisabetta Marchetti.
Eccovi l'intero album:

 Ornithos: La trasfigurazione

Super band al debutto discografico con tre componenti del Bacio Della Medusa come assi portanti del combo-prog, ovvero Diego Petrini, Federico Caprai e la talentuosa ed affascinante Eva Morelli al flauto e sax..
Un disco con varie contaminazioni di generi, dal progressive all’hard-rock, al blues, al jazz, al folk acustico, davvero ottimo esordio per AMS.

Barock Project : Coffee in Neukölln

Ensamble straordinario che porta a vertici elevati il prog-sinfonico, il disco del 2012 è un ulteriore tappa di crescita (la terza) per una band che sta “donando” gemme di assoluto valore al progressive italiano (ma non solo) del terzo millennio.
Il disco uscito per Musea mostra  tre artisti di tecnica sopraffina, capaci comunque di coinvolgere emotivamente l’ascoltatore, seppur abbiano virato verso un cantato totalmente in Inglese.
Line up:Luca Zabbini: tastiere, chitarra e voce, Giambattista Giorgi: basso e la “voce” Luca Pancaldi.

 Magnolia: La zona d’Ombra

I romani Magnolia, come Eclissidra avevano pubblicato un disco nello scorso millennio, ritornano attivi nel 2012 con un nuovo lavoro discografico dal titolo La zona d’Ombra (etichetta Lizard), si tratta di un concept album interamente ispirato alla vicenda di David Hicks, primo detenuto nel braccio della morte ad essere giustiziato nel 21°secolo.
 Un disco di 14 brani di cui tre strumentali, con testi rigorosamente in italiano cantati benissimo da Chiara Gironi coadiuvata da sonorità tra onirismo progressivo e momenti più acustici , tappeti melodici che lasciano gradevoli segni nell’ascoltatore nonostante la durezza dell’argomento.
Line up: Donatella Valeri : Pianoforte, Bruno Tifi : Chitarra, Alessandro Di Cori: Chitarra, Simone Papale; Basso, Claudio Carpenelli: Batteria e Chiara Gironi : Voce.

Bonus cd......
Tra i dischi del 2012 propriamente non progressive mi preme evidenziare il lavoro d’esordio dei Sycamore Age, il progetto di Stefano Santoni e Francesco Chimenti, quest’ultimo figlio d’arte in quanto il papà Andrea è stato tra le altre cose anche il leader dei Moda (rigorosamente senza accento..band culto degli anni 80), è davvero interessante, coadiuvati da altri cinque elementi, hanno sfornato un album “Sycamore Age” (Santeria / Audioglobe) in cui convivono un  caleidoscopio di suoni: musica da camera, heavy-metal, folk, musica balcanica, elettro-noise e kraut rock, il tutto con il cantato di Chimenti che, in alcune parti del disco, mi fa ricordare il compianto Jeff Buckley.

giovedì 27 dicembre 2012

Top Five 2012

Anche nel 2012 il progressive ha visto autentiche “chicche”  germogliare nel vasto panorama mondiale, tra quelle che ho ascoltato segnalo le seguenti:

Inner Ear Brigade: Rainbro

Gran bel disco d’esordio quello dei californiani Inner Ear Brigade, uscito per l’etichetta italiana AltrOck Productions, disco assai variegato e di grande valore con mero gusto per la melodia, sprizzate canterburiane, sfumature di elettronica e auree jazzistiche.
Il lavoro si pone molto lontano dalle asettiche sonorità tecnocratiche e manieristiche che caratterizzano certi dischi statunitensi, il gruppo di San Francisco, gruppone in quanto sono ben dieci elementi, con una invidiabile sezione fiati accanto alle classiche strumentazioni progressive “vintage” hanno prodotto un album sorprendente arricchito dal canto, ottimo davvero, della Ferris che di nome fa Melody (nomen..... omen.....)
Kotebel: Concerto for Piano and Electric Ensemble

Stepitoso prog sinfonico strumentale per questi spagnoli che, al sesto disco, sfornano il loro capolavoro assoluto (finora....).
Asse portante del  lavoro uscito per la Musea, è il “concerto grosso” in quattro movimenti con un afflato classicheggiante, il disco si mantiene di grande livello in ogni singola traccia e cresce di ascolto in ascolto, protagonista principale il pianoforte di Adriana Plaza Engelke che ben si integra con la batteria e le percussioni di Carlos Franco Vivas,con le chitarre di César García Forero,con il basso di Jaime Pascual Summers e con le tastiere di Carlos Plaza Vega.
Eccoli live a Madrid

 Tompox: Hungarian Eclectic

Gli ungheresi Tompox, il nuovo progetto 2012 di Tamás Pócs eccellente bassista dei mitici Solaris, progband magiara del millennio scorso, sono caratterizzati da un sound molto cameliano con influenze etniche per un gradevole mix.
Il buon Tamás per questo lavoro, quasi del tutto strumentale,  si è attorniato di un combo di altri 4 elementi (Endre Balla: tastiere, Gábor Berdár chitarra, Péter Szula: batteria e percussioni e Ádám Tasi: flauto) e da alcuni ospiti tra cui Zoltán Kiss che canta egregiamente la cover crimsoniana Epitaph.

Astra: The Black Chord

Dopo lo splendido esordio del 2009, quest’anno gli Astra, quintetto californiano di San Diego, ci propongono un altro eccellente lavoro assai floydiano nel divenire, sei tracce ricche di psichedelia con il mellotron in bella evidenza che si fondono con un prog sinfonico di alto livello.
La line up prevede: Richard Vaughan: chitarra elettrica, mellotron, moog e voce, Conor Riley: Mellotron, Moog, organo,  piano e voce, Brian Ellis: chitarra acustica ed elettrica , David Hurley batteria, percussioni e flauto e  Stuart Sclater al basso
Ecco il video di Cocoon

 Big Big Train: English Electric (Part One)

Gli inglesi Big Big Train hanno dato alle stampe un album di prog sinfonico visceralmente “Genesisiano”, un concept album sulla costruzione delle città inglesi di grande impatto emotivo anche per la voce del flautista-cantante  David Longdon estremamente similare a quella di Peter Gabriel,(tra l’altro era in lizza per sostituire Collins e divenire il frontman dei Genesis ma Banks e Rutheford gli preferirono Ray Wilson..... ), la line up oltre a Longdon prevede il talentuoso batterista Nick D'Virgilio, il chitarrista Dave Gregory, i polistrumentisti nonchè co-fondatori del gruppo nello scorso millennio ossia Andy Poole e Greg Spawton e super ospiti quali Andy Tillison (Tangent) e Danny Manners.
Armonia e melodia, simbiotiche, in un disco che gli amanti del prog seventies non possono non avere e siamo in febbrile attesa di ascoltare la seconda parte prevista per Marzo 2013.


BONUS CD......
Tra i dischi non propriamente progressive , segnalo Blues Funeral di Mark Lanegan, vocalist statunitense degli Screaming Trees, una band che inizialmente suonava rock psichedelico  e successivamente venne più volte accostata alla scena grunge di Seattle a cavallo tra gli 80 e i 90.
Tra rock-blues e folk country con accenni spiritual, un prodotto elettrico di valore, impreziosito dall’ugola roca e pregnante emotivamente di mastro Lanegan, chapeau!!

martedì 25 dicembre 2012

Cirrus Bay

Gli statunitensi Cirrus Bay attivi discograficamente dal 2008 con tre album di neo-progressive gradevole seppur non originalissimo.
Da segnalare la presenza di due vocalist donne che caratterizzano il sound della band accumanato  ad alcuni lavori dei Renaissance, le lunghe parti strumentali lasciano un senso di quieto benessere e di questi tempi è già qualcosa....
Sito ufficiale: http://www.cirrusbay.com/

Album consigliato:Whimsical Weather (2012)



Nine Stones Close

I Nine Stones Close, inizialmente concepito nel 2008 come progetto solista del polistrumentista inglese Adrian Jones, nel 2012 al terzo disco sono divenuti un eccellente quintetto di musica neo-progressiva, la line up attuale: Adrian Jones  chitarre, Brendan Eyre tastiere, Pieter van Hoorn batteria, Peter Vink  Basso eil cantante Marc Atkinson
Sito ufficiale: http://www.ninestonesclose.com
Album consigliato: One Eye On The Sunrise (2012)

venerdì 21 dicembre 2012

The Samuel Jackson Five

The Samuel Jackson Five, band norvegese con 4 dischi all'attivo,  formatasi ad Oslo nel 2003, non certo imparentata con il famoso attore Samuel L. Jackson di Pulp Fiction, estremamente versatili e creativi, zappiani nella fantasia, post rock ma anche new progressive.
Questo combo dapprima totalmente instrumental dopo l'ottimo Goodbye Melody Mountain del 2009 ha inciso nel 2012 un grande album omonimo ove si trovano per la prima volta nella loro produzione parti cantate, alternando al canto vari vocalist.
Sito ufficiale:http://www.sj5.no/
Eccoli live nell'Aprile di quest'anno

Album consigliato: The Samuel Jackson Five (2012)

martedì 18 dicembre 2012

Cucamonga

Quando nel mondo delle sette note si citava  Cucamonga, il buon musicofilo irradiava con un sorriso smagliante il viso e rispondeva “ Frank Zappa”, Cucamonga infatti non solo è il nome di una ridente cittadina californiana (Rancho Cucamonga) ove mastro Zappa ha mosso i suoi passi ma anche  il titolo di un suo disco con registrazioni  pre-Mothers Of Invention nei primi anni 60.
In questo contesto però Cucamonga è una banda proveniente da Santa Fe che ha rilasciato nel 2012 “Alter Huevo”, disco d’esordio per la label italiana AltrOck, tra l’altro l'artwork dell'album è stato creato da Paolo Botta, tastierista degli Yugen.
Debutto eccellente tutto da gustare nella sua brevità (dura 40 minuti), influenze zappiane, afflati jazzy-fusion, linee canterburiane, certamente tra le uscite migliori del 2012.
 La Line up
Mauricio Bernal: Piano, Marimba, Accordion, Percussioni
Adriano DeMartini:  Basso e Voce
Julián Macedo : Batteria, Marimba, Percussioni, Vibrafono
Oscar Peralta : Chitarra Elettrica
Bruno Rosado : Sax Soprano e Tenore                                               

Album consigliato: Alter Huevo (2012)



Perhaps

I Perhaps, trio strumentale statunitense proveniente da Boston all'esordio discografico nel Settembre 2012 con un disco dal paesaggio sonoro eclettico tra sperimentazione, space rock, afflati jazzistici e psichedelia.
Line Up: Sean McDermott: chitarra, Don Taylor: batteria e da Jim Haney: basso e autentico leader musicale del gruppo
Sito ufficiale:http://perhaps.bandcamp.com/
Ed ecco l'intero album, che dura quasi 38 minuti ed è composto da un unica traccia
Album consigliato: Volume one (2012)

domenica 9 dicembre 2012

Ole Lukkoye


Gli Ole Lukkoye, band proveniente da San Pietroburgo che è la seconda città della Russia per dimensioni e popolazione nonché il porto più importante, ha iniziato la sua attività discografica negli anni 90 pubblicando 7 album in studio e 2 live di cui 3 in studio e 1 live nel terzo millennio e una raccolta dal titolo Petroglyphs nel 2010.
Un ensamble dal suono più  psycospace che progressive con l’uso di variegati strumenti e invero una utilizzazione un po’ troppo massiva di suoni campionati
Eccoli live in un brano molto Dead Can Dance....
Album consigliato: Kumaneira (2006)


sabato 24 novembre 2012

Life Line Project

I Life Line Project ensamble olandese di prog sinfonico, con predominanza tastieristica, già attivo negli anni 90 con 2 album, nel terzo millennio dal 2008, anno di ritorno discografico, ha prodotto 6 dischi.
Assoluto Deus ex machina del progetto è il polistrumentista Erik de Beer che, nel suo passato  (1996 - 2003),  aveva addirittura fondato un orchestra barocca  i Tempesta Consort.
Sito ufficiale: http://www.lifelineprojectbandclanofduplo.com
Album consigliato:Distorted Memories (2010)

lunedì 19 novembre 2012

El Doom and the Born Electric

Tra le cose migliori di questo anno solare per quanto riguarda il Prog dalle tinte più heavy c’è sicuramente il disco d’esordio della band norvegese El Doom and the Born Electric, formatasi nel 2011.
Una line up di ben 8 elementi, provenienti da vari altri gruppi con il chitarrista-cantante “El Doom” ossia Ole Petter Andreassen come leader.
Il loro sound riecheggia i fasti seventies non portando nulla di nuovo ma l’ascolto del cd scorre gradevole seppur senza picchi di creatività e a volte con una magniloquenza un pò fine a se stessa.


Album consigliato: El Doom and the Born Electric (2012)

venerdì 16 novembre 2012

Musica Ficta

Esordio discografico 2012 molto promettente quello degli Israeliani Musica Ficta del chitarrista compositore Udi Horev con la label italiana AltRock Records.
Un ensamble di 6 elementi: Julia Feldman voce, Dvir Katz flauto, Omer Rizi tastiere, Udi Horev chitarra, Avi Cohen Hillel basso e Michael Gorodinsky batteria, che spazia dal prog sinfonico a passaggi acustici e sfumature più fusion con la bella voce di Julia Feldman in evidenza.
Link utile: http://www.myspace.com/mficta


Album consigliato: A Child & A Well (2012)

Forgas Band Phenomena

Patrick Forgas è un batterista-compositore francese di lunga esperienza, già attivo negli anni 70 dopo aver avuto una folgorazione musicale ascoltando i primi Soft Machine (Wyatt era il suo guru).
Dopo varie vicissitudini il nostro drummer ha formato nella seconda metà degli anni 90 un gruppo strumentale di prog-fusion , la Forgas Band Phenomena che ha all’attivo 5 dischi di cui 1 live e 2 in studio nel terzo millennio
Sito uficiale: http://forgasbp.online.fr/
Dal loro disco uscito nel 2012 Acte V


Album consigliato: L'axe du Fou (2009)

lunedì 12 novembre 2012

OAQK

Quartetto strumentale dell'area di Tokyo, gli OAQK hanno all'attivo un unico album del 2009 ove le chitarre distorte (la line up prevede 2 chitarre, basso e batteria)  la fanno da padrone attraversando però anche terreni di puro lirismo post-rock progressivo, interessante proposta con 2 titoli in italiano , la prima traccia s'intitola Inferno Paradiso mentre la nona e ultima Purgatorio,
Link utile: http://www.myspace.com/oaqk
Per voi la lunga ottava traccia dal titolo 6 years

Album consigliato Munchen (2009)




OWKMJ

 Gli OWKMJ sette ragazzi giapponesi di grande valore con tre dischi all'attivo molto legati al suono canterburiano con sfumature vivissime di jazz-fusion.
Sito ufficiale: https://sites.google.com/site/owkmjnew/home
Un estratto dal loro ultimo cd del 2009
Album consigliato: Epitonic (2003)

domenica 11 novembre 2012

Taylor's Universe

I TAYLOR'S UNIVERSE in realtà è un progetto del polistrumentista danese Robin Taylor  accompagnato dal virtuoso sassofonista Karsten Vogel.
Il buon Taylor, genialoide compositore incline alla prog fusion, ha sformato dall'inizio degli anni 90 ben 11 dischi tra progetti singoli e di ensamble.
Sito ufficiale: http://www.progressor.net/robin-taylor/index.htm
Il video si riferisce ad un brano, Heavy Friends, che è la prima traccia del cd 2010 Two-Pack, la performance video è del batterista del gruppo Klaus Thrane

Album consigliato: Kind of red (2012)

venerdì 26 ottobre 2012

Druckfarben

I Druckfarben, prog band di stampo sinfonico che ha iniziato l'attività musicale eseguendo cover di classici prog da Yes, Genesis, King Crimson, Gentle Giant, Kansas, Rush et alii, ha poi sfornato alla fine del 2011 un ottimo disco di proprie composizioni che, con gusto, miscelano le influenze dei gruppi sopra citati.
La line up: Phil Naro: voce, Ed Bernhard:  chitarra, violino, mandolino, voce
William Hare: tastiere, Peter Murray: basso, voce e Troy Feener: batteria
Sito ufficiale: http://www.druckfarben.ca
Eccoli in versione live con quella che è la seconda traccia del loro cd, ossia il brano: Influenza

Album consigliato: Druckfarben (2011)





giovedì 18 ottobre 2012

Godspeed You! Black Emperor

Sono ritornati ad incidere nel 2012, dopo 10 anni di pausa, gli Godspeed You! Black Emperor ( abbreviati in GYBE! o GY!BE), band canadese attiva dagli anni 90 e riformatasi nel 2010.
Ensamble poliedrico cha spazia da sonorità rock al progressive, dal punk a melodie classicheggianti, da tappeti sonori armonici a dissonanze acute.
Quattro dischi all’attivo di cui due nel nuovo millennio, il nome del gruppo è ripreso da un documentario giapponese in bianco e nero del 1976 diretto da Mitsuo Yanagimachi che tratta la vita dei Black Emperors, una gang di biker nipponici.
Sito ufficiale: http://brainwashed.com/godspeed/main.html



Album consigliato: Yanqui U.X.O. (2002)

mercoledì 17 ottobre 2012

Yoke Shire

Gli Yoke Shire progetto dei fratelli polistrumentisti Craig e Brian Herlihy, formatosi nel 1993 questo duo di Boston ha inciso 4 album di cui tre nel nuovo millennio.
Depositari di uno stile prettamente classicheggiante e prog-folk,con influenze Tulliane e degli Yes, i due musicisti hanno rilasciato nel 2011 un disco di folk irlandese molto ortodossa che si discosta totalmente dalla produzione precedente.
Sito ufficiale: http://www.yokeshire.com/index.html
Ecco un significativo estratto dallo splendido doppio album The Witching Hour

Album consigliato: The Witching Hour (2007)




mercoledì 10 ottobre 2012

Tommy Zvoncheck

Tommy Zvoncheck, tastierista e polistrumentista statunitense, già membro negli anni 80 del gruppo rock Blue Oyster Cult nonchè session man di altri musicisti di rilievo come la cult band Dream Syndicate, ha all'attivo un unico album solista dalle chiare tinte progressive, prettamente strumentale  e impreziosito, nell'unica traccia cantata, dalla presenza del mitico cantante degli Yes,  Jon Anderson
Link utile: http://www.myspace.com/tommyzvoncheck
Eccolo in versione live in Florida nello scorso mese di settembre

Album consigliato: ZKG (2008)

lunedì 8 ottobre 2012

Flowers Must Die

I Flowers Must Die, eccentrica band svedese attiva discograficamente dal 2009 autrice di 4 lavori tra vinili e musicassette!!!!, non amano i supporti digitali e tutti i dischi sono a tiratura limitata, quintetto strumentale più incline allo space-rock con virate progressive, la line up prevede:- Sven Walan chitarre, piano, synth, Jonas Höglund chitarre e violino elettrico, Rickard Daun synth e percussioni, Martin Daun  basso e Lars Hoffsten batteria
Sito ufficiale: http://www.flowersmustdie.com/
Eccoli live a Malmoe nel luglio 2012

Album consigliato:Flowers Must Die (2011)

sabato 6 ottobre 2012

Absente H

Gli Absente H, prog-rock band di Madrid con un solo disco all'attivo uscito nel 2011 per la dinamica etichetta francese Musea, disco con virate decisamente rock ma con afflati progressivi melodici  di buon gusto, un disco non impegnativo che scorre bene mantenendosi ad un livello più che sufficiente.
Sito ufficiale:http://www.absenteh.com/


Disco consigliato: Vagalume (2011)

lunedì 1 ottobre 2012

Zen Rock And Roll

Zen Rock And Roll è un  progetto solista del polistrumentista Jonathan Saunders, ingegnere di software statunitense capace di coniugare nei suoi tre dischi molte sonorità anni 70 con preponderanza di tastiere e mellotron, un prog sinfonico non certo originale ma piacevole nel fluire delle tracce, della serie "male non fa".
Sito ufficiale: http://www.zenrockandroll.com/

Album consigliato: Undone (2011)

Mahogany Frog

Jazz progressivo, Psychedelic-Jam, Alternative Rock, suoni anche "sintetici", una spiccata propensione alla sperimentazione per un gruppo canadese che fa dei live act la sua forza, sono i Mahogany Frog attivi discograficamente dal 2001 e depositari di 6 lavori strumentali (l'ultimo uscito recentemente) estremamente vari ed eclettici dove c'è poca traccia per la noia.
sito ufficiale: http://mahoganyfrog.com/
Davvero un bel quartetto, eccoli live 2007

Album consigliato: Senna (2012)


venerdì 28 settembre 2012

Fond Of Tigers

Provenienti da Vancouver (Canada) sono i Fond Of Tigers, dapprima progetto solista del chitarrista compositore Stephen Lyons, dal 2006 settetto  non propramente progressive ma che coniuga, nei tre dischi pubblicati,  vari generi dal jazz-rock all'art rock con sperimentazioni fusion.
Sito ufficiale: http://fondoftigers.com/news/
Un estratto dal loro ultimo disco del 2010 "Continent & Western"

Album consigliato: Release The Saviours (2007)

Flying Colors

Flying Colors, supergruppo americano formatosi nel 2012 con una superba formazione: Casey McPherson – voce, chitarra e tastiere; Neal Morse – voce e tastiere; Steve Morse – chitarra; Dave LaRue – basso; Mike Portnoy – voce e batteria.
Tanta risonanza dei nomi però ha prodotto un disco non all'altezza seppur sia nella piena sufficienza, un lavoro che "vaga" tra alternative, hard e progressive rock
Non sempre avere 5 punte significa vincere le partite.....
Sito ufficiale: http://flyingcolorsmusic.com/

Album consigliato:Flying Colors (2012)


martedì 18 settembre 2012

Bartosz Ogrodowicz

Il compositore polacco Bartosz Ogrodowicz un disco all’attivo totalmente strumentale ove sviluppa un progressive- sinfonico non originalissimo ma sicuramente godibile con l’uso totalizzante delle tastiere.
Sito ufficiale: http://www.bartoszogrodowicz.pl/

Album consigliato: Forsaken (2010)

To-Mera

Dalla terra d'albione i To-Mera, progressive band dai suoni molto duri (prog-metal)ma con echi classicheggianti e nell'ultimo bel disco anche fraseggi quasi jazzistici, tre dischi all'attivo con una voce femminile estremamente coinvolgente come Julie Kiss ed eccellenti strumentisti con il chitarrista e principale compositore Tom MacLean.
Sito ufficiale: http://s298973778.websitehome.co.uk/biography.html
Eccoli in un live nel 2009

Album consigliato: Exile (2012)


lunedì 10 settembre 2012

Moth Vellum

I Moth Vellum, quintetto statunitense (Johannes Luley chitarra,Tom Lynham organo, Matt Swindells batteria, Ryan Downe  basso e  voce) con un solo disco all'attivo di prog sinfonico piacevole nell'ascolto seppur non originalissimo nelle sonorità.
Link utile: http://www.myspace.com/mothvellum
Album consigliato: Moth Vellum (2007)

sabato 8 settembre 2012

La Ira De Dios

La Ira De Dios, band peruviana di matrice space rock psichedelico, tre dischi all'attivo con sfumature krautrock e tappeti sonori progressivi sempre molto "spaziali".
Link utile: http://www.myspace.com/lairadedios
Dal secondo disco Archaeopterix del 2006 la lunga suite finale  dal titolo Cordillera

Album consigliato: Hacia El Sol Rojo (2003)

T.Phan

T.Phan è il nome del nuovo progetto di Stéphan Caussarieu, classe 1957 ex batterista della band francese anni Settanta Taï Phong.
Nell'unico disco realizzato nel 2009 per Musea records,. Caussarieu suona la maggior parte degli strumenti e canta con una voce che mi ha fatto ricordare a tratti Latimer dei Camel con qualche sprizzata alla Sting.
Link utile: http://www.myspace.com/tphancaussarieu

Album consigliato: Last Warrior (2009)


mercoledì 5 settembre 2012

Toundra

Sono alla terza "fatica" discografica i Madrileni Toundra, quartetto strumentale (2 chitarre, più basso e batteria) dalle sonorità potenti ma evocative di emozioni post rock, si sono formati nel 2007 dalle ceneri del gruppo hardcore Nacen de las Ceniza.
Link utile: http://www.myspace.com/toundraband
Dal primo disco del 2008


Album consigliato: Toundra II (2010)

venerdì 31 agosto 2012

Disconnect

I Disconnect  duo statunitense costituito nel dicembre 2009 da Erich O'Dell (chitarre, basso, tastiere, voce) e Brian Eschrich (batteria, percussioni).Quattro dischi all'attivo dal sound eclettico, dallo space rock a suoni più "pesanti", un crossover progressivo di buona fattura
Link utile: http://www.myspace.com/disconnecttheband

Album consigliato: Enough Blame To Go Around (2012)

lunedì 27 agosto 2012

Kharmina Buranna

I Kharmina Buranna, fondati a Lima nel 1996 come band rock-blues d’ispirazione anglo-americana, in questo millennio ha invece mutato pelle divenendo una eccellente band di rock progressivo con afflati genesisiani, tulliani e dei Gentle Giant.

Un solo eccellente disco “El Arte de seguir Vivos" rilasciato nel mese di agosto del 2008, su etichetta Mylodon, dal robusto sound prog-rock sinfonico  con “tocchi” di  blues hard rock e rock psichedelico.
Nel 2011, nonostante l’uscita dal gruppo del chitarrista Eduardo Valcárcel sostituito da Jako Casanova, la band sembra che abbia iniziato a comporre nuovo materiale per il loro secondo-atteso- album.
Eccoli live a fine 2011


 Album consigliato: El Arte de Seguir Vivos (2008)






Supay

I Supay, prog band sinfonica peruviana con due bei dischi all’attivo, totalmente strumentali, intrisi di sfumature andine  e ispirati a livello compositivo.

Il nome Supay è ripreso dalla mitologia andina e indica il Dio della morte, con la colonizzazione spagnola delle Americhe, i sacerdoti cristiani  hanno usato il nome "Supay" per riferirsi al diavolo.
Ecco un brano da Confusion il loro primo album del 2004 

 Album consigliato: El Viaje(2007)



venerdì 24 agosto 2012

Procosmian Fannyfiddlers

I Procosmian Fannyfiddlers ensamble norvegese  (sono di Trondheim) formatisi nel 1995 con 9 album all'attivo, di cui 6 nel nuovo millennio.
Gruppo eclettico, estremamente vario nella proposta musicale, dal folk-prog all'avanguardia, passando anche attraverso sonorità più "pesanti" e financo al punk!
Link utile: http://www.myspace.com/procosmianfannyfiddlers

Album consigliato: Interference Number 9 (2012)


mercoledì 22 agosto 2012

Little Tragedies

Dalla Russia un ensamble con dodici album all’attivo, dieci nel nuovo millennio, sono i  Little Tragedies  veri maestri  del prog sinfonico orchestrale russo con preponderanza di tastiere e fiati.


Album consigliato: The Magic Shop (2009)


Hills

Dalla Svezia (Goteborg) un trio psyco-space prog , sono gli Hills con 2 dischi all’attivo di buona fattura


Album consigliato: Master Sleeps (2011)



DeeExpus


I DeeExpus, band inglese con influenze che vanno dal metal progressive a tappeti melodici, hanno finora pubblicato 2 dischi ben accolti da critica e pubblico, l’indiscusso leader è il polistrumentista Andy Ditchfield
Sito ufficiale: http://www.deeexpus.com/

 Album consigliato: Half Way Home (2008)


lunedì 20 agosto 2012

Reasoning

The Reasoning, band gallese creata dall’ex bassista dei Magenta ossia  Matthew Cohen arricchita dalla presenza dell’ex vocalist dei Karnataka ossia Rachel Jones  , ha all’attivo 4 dischi in studio e 1 live del 2011, con la particolarità di avere tre voci soliste che si suddividono lo strumento “voce” creando così impasti vocali di rilievo su sonorità neo-progressive.
E' in uscita il loro prossimo lavoro che si intitolerà: Adventures In Neverland
Sito ufficiale: http://www.thereasoning.com/home.php
Eccoli in versione live nel 2010

Album consigliato: Dark Angel (2008)


Silhouette

I Silhouette band olandese (area di Utrecht) con tre dischi all’attivo tra melodia e prog sinfonico con uso massiccio di tastiere( l’ottimo Erik Laan), si sente molto l’influenza degli IQ per un prodotto che non brillerà certo di originalità ma che è comunque godibilissimo.


Album consigliato: Across The Rubicon (2012)



sabato 18 agosto 2012

Izz

Gli Izz sono una band newyorkese con 6 album in studio all’attivo (uno nello scorso millennio) e un live, ensamble che offre un crossover progressivo con impennate melodiche ed influenze che vanno dagli Yes ai Radiohead.
Da sottolineare la presenza illustre dell’ex chitarrista dei Gentle Giant ossia Gary Green in due tracce del loro ultimo album Crush Of Night uscito a maggio 2012
Sito ufficiale: http://www.izznet.com/

Album consigliato: The Darkened Room (2009)

Tompox

Gli ungheresi Tompox, il nuovo progetto 2012 di Tamás Pócs eccellente bassista dei mitici Solaris, progband magiara del millennio scorso, sono caratterizzati da un sound molto cameliano con influenze etniche per un gradevole mix, da registrare nel loro disco d’esordio, quasi del tutto strumentale, una bella cover della crimsoniana Epitaph.
Link utile: http://www.perifericrecords.com/eng/catalogue.php?cont=artist&artist_id=1317

Album consigliato: Hungarian Eclectic (2012)

sabato 28 luglio 2012

Allegri Leprotti

Gli Allegri Leprotti hanno una lunga storia che inizia a Milano a fine anni 70 ma che si concretizza discograficamente solo nel 2007 con un album pubblicato dalla MaRaCash Records.
Il loro sound è ricco di stravaganza creativa simil zappiana, eclettici ed avanguardistici passano dal folk al jazz con strizzatine all’elettronica e alcuni passaggi più melodici.
Molti gli strumenti utilizzati dal mellotron al flauto, dal sax allo xilofono, i testi rigorosamente in italiano hanno anch’essi un pizzico di surrealismo.
Link utile: http://www.myspace.com/allegrileprotti

Album consigliato: Au Zulo (2007)

giovedì 26 luglio 2012

Il Cerchio d’ Oro

Ci sono band che si sono formate nel periodo aureo per il Progressive (anni 70) e non hanno avuto mai la possibilità di incidere nulla, se non tre 45 giri, in quel formidabile decennio.
Poi, a distanza di molti anni, gli stessi musicisti sentono l’esigenza di ripercorrere quelle strade aggiungendone di nuove e viene fuori, oltre ad un lavoro del 2005 uscito come vinile in sole 300 copie numerate dal titolo “La Quadratura del Cerchio”, un album per la Black Widow “Il viaggio di Colombo” di progressive sinfonico con suono vintage di buon livello, è il caso del Cerchio d’ Oro, progetto tutto “savonese” dei fratelli Terribile (Gino e Giuseppe ) e del virtuoso tastierista Franco Piccolini.
Link utile: http://www.myspace.com/ilcerchiodoro

Album consigliato: Il viaggio di Colombo (2008)

Zundapp

 Gli Zundapp, il cui nome è preso da una importante marca motociclistica tedesca attiva dal 1917 al 1984 , sono un quintetto strumentale toscano attivo discograficamente con un demo omonimo del 2005 e l’album Sotero del 2009
Gli Zundapp sono depositari di un suono vintage più orientato ad un heavy rock-blues progressivo con riferimento ai primi Jethro Tull anche per la presenza nella line up del flautista Roberto Chechi.
Link utile: http://www.myspace.com/zundapp

Album consigliato: Sotero (2009)

martedì 24 luglio 2012

Calomito

I Calomito, genovesi con 2 dischi strumentali all’attivo, sono tra le realtà più sorprendenti della scena progressiva italiana, invero si discostano dal “progressive classico” con chiari riferimenti Zappiani, sfumature jazzy, surrealismo alla Gong e virate sperimentali alla Henry Cow, eclettici a dismisura con live-act di notevole spessore.
Link utile: http://www.myspace.com/calomito
Eccoli live!

Album consigliato: Cane di schiena (2011)

domenica 22 luglio 2012

Pensiero Nomade

Pensiero Nomade è il progetto solista dell’ex chitarrista dei Germinale (mitica prog-band attiva negli anni 90) ossia il talentuoso Salvo Lazzara, 3 dischi all’attivo molto variegati con infusioni psyco-progressive, virate etniche folkeggianti, improvvisazioni jazzistiche e momenti più acustici.


Album consigliato: Materia e Memoria (2011)

sabato 21 luglio 2012

Magnolia

I romani Magnolia, come Eclissidra avevano pubblicato un disco nello scorso millennio, ritornano attivi nel 2012 con un nuovo lavoro discografico dal titolo La zona d’Ombra (etichetta Lizard), si tratta di un concept album interamente ispirato alla vicenda di David Hicks, primo detenuto nel braccio della morte ad essere giustiziato nel 21°secolo.
Un disco di 14 brani di cui tre strumentali, con testi rigorosamente in italiano cantati benissimo da Chiara Gironi coadiuvata da sonorità tra onirismo progressivo e momenti più acustici , tappeti melodici che lasciano gradevoli segni nell’ascoltatore nonostante la durezza dell’argomento.
Sito ufficiale: http://www.magnoliaitaly.com/

Album consigliato: La zona d’Ombra (2012)


venerdì 20 luglio 2012

R 11

Gli R 11 o Round Eleven che dir si voglia è un terzetto emiliano (chitarra, basso, batteria) all’esordio discografico con Lizard Records, un trio strumentale vigoroso e armonico, con forti spruzzate jazzy, fusion e post-rock. I musicisti sono  tecnicamente eccelsi ma non manieristici e anche se non è un gruppo propriamente progressive mi fa piacere citarli su questo blog.

Alcune informazioni “di stato e di tratto” dalle note di copertina del loro disco Lupus in trio: “Sono in tre.Non si buttano per terra.Non sono alternativi.Si lavano.Lavorano.Almeno uno è di sinistra.Hanno un’istruzione.Non hanno un mutuo.Non scrutano l’infinito.Non sono i migliori.Fanno fatica.Sono amici.Niente tournèe.Niente interviste.Sono contenti.Poca bobbina registrata alla buona.Non sono precisi.Gli piace...e gli piace parecchio"
Link utile: http://www.myspace.com/round11
Album consigliato: Lupus in trio (2012)

lunedì 9 luglio 2012

Void Generator

I romani Void Generator, 2 dischi ufficiali all'attivo con altri 2 lavori da considerare, avendo minutaggio ridotto, come degli E.P.
Psichedelia e spacerock progressivo sono gli ingredienti della band con riffate potenti e momenti più "riflessivi".
Link utile:  http://www.myspace.com/voidgenerator

Album consigliato: Phantom Hell And Soar Angelic (2010)

RanestRane

I RanestRane, ensamble romano 2 dischi all'attivo, un terzo in "cantiere avanzato" dal titolo "2001 A Space Odissey", le loro sono opere torrenziali, tutti doppi cd, dei veri concept cine album: Nosferatu Il Vampiro(2006), Shining (2011), dal vivo hanno concepito i loro spettacoli come "cineconcerto" con le immagini del film sullo sfondo (vedi video).
Hanno la particolarità di interpretare alla loro maniera e con la propria sensibilità le sequenze del film, un sound variegato con forti accenni psyco-prog (ma non solo) e con l'inserimento di dialoghi originali
Sito ufficiale: http://www.ranestrane.com/index.htm

Album consigliato: Shining (2011)

lunedì 2 luglio 2012

Virtual Dream

Il trio romano dei Virtual Dream: Lucrezio De Seta (batteria), Fabio Cerrone (chitarre) e Pierpaolo Ranieri (basso), 3 dischi all’attivo di cui 2 nel nuovo millennio, ensamble strumentale tra fusion elettronica e spizzicate progressive con tecnica, creatività e vigore.

Eccoli in azione, live 2007

Album consigliato: Three Sides Of A Coin (2007)

venerdì 29 giugno 2012

Vicolo Margana

I Vicolo Margana, due dischi all’attivo tra progressive a tinte “cosmiche” e sonorità minimaliste, è un progetto del tastierista Francesco Antonelli (suona anche la cornamusa) e del chitarrista Fabio Bizzarri accompagnati da amici d’avventura musicale, gradevoli nell’ascolto.
Link utile: http://www.myspace.com/vicolomargana

Album consigliato: Morpheus Five Hours (2010)

martedì 26 giugno 2012

Vieux Carre

I Vieux Carre band perugina con due dischi all’attivo tra progressive con chiari riferimenti ai seventies e spruzzate jazzy, sicuramente da seguire anche per la preparazione strumentale dei componenti della band.

Eccovi l'ottava traccia del nuovo cd.
Album consigliato: Eteronimie (2012)